martedì 20 febbraio 2018

Sulla convocazione al Ministero degli Esteri della Russia dell’Incaricato d'affari provvisorio dell'Ucraina nella Federazione Russa




Sulla convocazione al Ministero degli Esteri della Russia dell’Incaricato d'affari provvisorio dell'Ucraina nella Federazione Russa

COMUNICATO STAMPA

Il 19 febbraio l'Incaricato d’affari ad interim dell'Ucraina a Mosca, R. M. Nimchninskij, è stato convocato per la presentazione di una forte nota di protesta contro il proseguo dei furiosi eccessi dei nazionalisti ucraini-russofobi, alimentata dalle autorità di Kiev, il 17 e 18 febbraio 2018 che hanno messo in scena il 17 e 18 febbraio 2018 attacchi provocatori al Centro russo per la scienza e la cultura (RZNK), l'ufficio Rossotrudnichestvo, come anche uffici di banche russe a Kiev

È stato evidenziato come i teppisti abbiano dilagato grazie all’inattività degli agenti di polizia intervenuti passivamente, hanno fracassato vetri, scritto frasi offensive sulle pareti, profanato i simboli statali della Russia, provocando altri danni materiali.

Il tutto è stato accompagnato da parolacce ed insulti all'indirizzo della Russia e della sua leadership. I vandali non si sono fermato dinnanzi alla presenza nei locali del centro di donne e bambini, impegnati nelle prove di uno spettacolo teatrale. Testimoni di questi eventi sono stati gli osservatori della Missione speciale di monitoraggio dell'OSCE in Ucraina, che in conformità con il loro mandato hanno registrato quello che è avvenuto in un rapporto dell'OSCE.

Senza dubbio un ulteriore manifestazione della forza aggressiva che in Ucraina sta guadagnando la tendenza del nazionalismo neo-nazista che ovviamente gode del patrocinio e del supporto ufficiale delle autorità del paese. Difficilmente può essere considerata una casuale coincidenza il fatto che il caos nel Centro russo per la scienza e la cultura si sia verificato subito dopo l’odioso discorso del Presidente dell'Ucraina P. A. Poroshenko nella Conferenza Internazionale sulla sicurezza di Monaco di Baviera che straripava di invettive anti-russe e conteneva un appello diretto ad una «lotta contro la bandiera russa» in tutto il mondo.

Il voto consapevole dell'Ucraina fra i due soli Stati del mondo contro la risoluzione dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite sul neonazismo e le altre pratiche discriminatorie, conferma da che parte ha scelto di stare l'attuale regime di Kiev.

L'ambasciata Russa a Kiev ha inviato una nota di protesta al ministero degli esteri dell'Ucraina e prontamente diffuso una dichiarazione per la stampa. La valutazione di quanto accaduto è stata fornita dalla nostra missione diplomatica in seno all'OSCE e agli Stati Uniti. L'attenzione è stata rivolta sulle tendenze estremamente pericolose che si verificano nell'Ucraina moderna, tendenze che portano una minaccia alla stabilità internazionale e la sicurezza.

Non può non suscitare allarme il fatto che nazionalismo aggressivo in Ucraina non incontra una risposta adeguata da parte dei protettori stranieri delle autorità di Kiev. Inoltre, in alcuni casi, tali tendenze vengono persino incoraggiate. Peccato che le tragiche lezioni del secolo scorso in Europa e negli Stati Uniti non siano chiaramente prese in considerazione.

Alla parte ucraina è stato rivolto un appello a porre fine al dileggio dei nazionalisti radicali, creando le condizioni per il normale e sicuro funzionamento delle istituzioni russe in Ucraina in conformità con gli obblighi di Kiev riconosciuti dalle convenzioni internazionali e dagli accordi intergovernativi russo-ucraini

La parte russa ha preteso di assicurare alla giustizia tutti i responsabili degli attacchi banditeschi.


 

 

domenica 18 febbraio 2018

Tutti insieme: in Italia hanno donato i soldi per l'operazione di un bambino dell’Abkhazia




Tutti insieme: in Italia hanno donato i soldi per l'operazione di un bambino dell’Abkhazia


Il tredicenne Ruslan Doroshenko, abchaso, soffre della malattia cardiaca "Bambino blu", ha già subito otto operazioni chiururgiche ed ne è prevista una nona - l'ultima, che, secondo i medici porterà alla guarigione dalla malattia.

SUCHUMI, 16 febbraio – Sputnik, Sarija Kvarazchelija L’Associazione italiana “Aiutateci a Salvare i Bambini Onlus", ha raccolto 4mila euro per l’operazione chirurgica di Ruslan – abchaso – che soffre di problemi cardiaci, questo ha affermato alla giornalista di Sputnik il vice direttore dell’Associazione "Aschana" Maktina Dzhinzdolija.

"Mercoledì scorso abbiamo aperto una raccolta di fondi per l'operazione di Ruslan, che soffre di problemi cardiaci , la Sindrome del "bambino blu". Le persone hanno iniziato a condividere le informazioni sui social network. Informazioni anche sono state pubblicate sul quotidiano "La Repubblica di Abkhazia". Questa notizia è stata letta dall'Associazione Italiana e attraverso il corrispondente di giornale Esma Ardzhenija ci hanno contattato dicendomi che erano pronti a inviare subito 1.000 euro e dopo tre giorni ancora quanto raccolto: altri 3.000 euro" ha detto.

Come ha rilevato la vicedirettore di "Aschana", la raccolta di fondi per l'operazione di Ruslan prosegue attivamente.

“Anche da noi in Abkhazia la raccolta è positiva ed arrivano donazioni per le cure del giovane Ruslan. La gente le invia in diversi modi. In generale sono già stati già raccolti circa 300mila rubli [4mila euro circa], – ha dichiarato la Dzhinzdolija. La prossima settimana chiuderemo la raccolta di fondi e dopo aver raccolto in Abkhazia il 30% del costo dell’operazione, il restante 70% sarà messo a disposizione della nostra Associazione partner in Russia "Fondo di aiuto russo”.

La data del ricovero di Ruslan presso l'istituto di Cardiologia a Tomsk sarà definita al più presto.

"Dato che ha bisogno di un intervento di emergenza, la clinica è già informata di tutto. Rimane da trasfere le donazioni sul conto dell'ospedale e poi la data dell'operazione sarà immediatamente definita" – ha aggiunto Maktina Dzhinzdolija.

Ruslan soffre della malattia cardiaca "Bambino blu". Il ragazzo ha già subito otto operazioni. Si prevede che questa sarà l'ultima – la nona, che secondo i medici lo guarirà dalla malattia.

La diagnosi di "Tetralogia di Fallot" o malformazione del cuore "Bambino blu" di tipo complesso è una malattia gravissima. Presenta ben quattro malformazioni al cuore. Secondo i medici se non si oerara al più presto questa sarà fatale.










sabato 17 febbraio 2018

Nazisti ucraini hanno preso in ostaggio l’edificio di Rossotrudnichestvo pieno di bambini





Nazisti ucraini hanno preso in ostaggio l’edificio di Rossotrudnichestvo pieno di bambini


Sabato 17 febbraio nazisti ucraini dal gruppo «C14» hanno fatto irruzione nell'edificio di Rossotrudnichestvo di Kiev durante le prove di teatro di un gruppo di bambini, riportano molti media ucraini.

I seguaci di Bandera hanno distrutto una mostra dedicata al cantante Fedor Shaljapin e scritto sulle pareti dell’istituzione slogan anti-russi. Nell’edificio in quel momento si trovavano circa 100 persone fra adulti e bambini.

La polizia è arrivata dopo una chiamata ed è entrata nell’edificio ma, nonostante ciò, i radicali hanno continuato a sfondare le porte con l'aiuto di mole a disco. Dopo ore di caos i nazisti avevano lasciato l’edificio.

I banderisti sulla loro pagina Facebook si sono già vantati di quest’altra «impresa», pubblicando foto e video con la scena del crimine. In particolare, in una delle foto si vede come uno degli aggressori calpesti la bandiera russa. Molte altre fotografie di banderisti tra molte bandiere della Russia.







giovedì 15 febbraio 2018

A COSA PORTANO GLI SCANDALI: VZIOM HA REGISTRATO LA STAGNAZIONE DEL RATING DI PAVEL GRUDININ




A COSA PORTANO GLI SCANDALI: VZIOM HA REGISTRATO LA STAGNAZIONE DEL RATING DI PAVEL GRUDININ 

Oggi si è tenuta la conferenza stampa di Vziom dedicata alle prossime elezioni presidenziali del 18 marzo. Secondo i sociologi, il 14 febbraio, andrebbe a votare l’80,4 % dei russi.

Vladimir Putin viene preferito dal 71,5 degli elettori. Il rating di Pavel Grudinin si attesta  intorno al 7% (7,3%), Zhirinovsky, Sobchak e Javlinsky perdono il loro sostegno. Per il leader del partito Liberal-democratico sono pronti a votare il 5,5% dei russi, per Javlinsky lo 0,8%, il supporto alla stellina televisiva Ksenja Sobchak è sceso ad un uno per cento. La consapevolezza dei cittadini della Russia sulle elezioni ha raggiunto il 93%.

Il direttore generale di Vziom Valerij Fedorov ha commentato i risultati della ricerca. Secondo lui infavore di Pavel Grudinin si è avuta un fenomenale incremento della notorietà dal 46% all'inizio di gennaio fino al 70% attuale. Tuttavia il rating del miliardario del KPRF non è aumentato.

«Nonostante ciò, in questo contesto di rapida crescita di notorietà, i voti per il candidato del partito Comunista si trovano in uno stato di stagnazione» ha sottolineato Fedorov.

Allo stato il rating di Grudinin è esattamente lo stesso (7,3%) di com’era nel periodo in cui era conosciuto dal 30%. Il suo flusso elettorale è pari a circa il suo deflusso.

Fedorov ha anche sottolineato come il rating di Grudinin non raggiunga la popolarità del partito Comunista. Il PCRF viene sostenuto dal 9,6% degli elettori. L’indagine sociologica ha evidenziato come pronti a votare per Grudinin siano meno della metà dei comunisti di Russia (47%).

Ciò può essere la conclusione dei numerosi scandali in cui è coinvolto Pavel Grudinin che hanno influito sulla generale sfiducia dei russi nei suoi confronti. La gente ha scoperto i suoi conti esteri e le proprietà miliardarie, la sua relazione con gli ex dipendenti dell'azienda agricola, sentito nei suoi discorsi il populismo e numerose incongruenze. Per questo la conoscenza del 70% porta il suo rating al solo 7,3%.

«Salvagente» per Grudini è rappresentato dal Partito Comunista, che lo precede in popolarità. Tuttavia, a sinistra la divisione è causa della figura del miliardario: meno della metà dei counisti russi comunisti ha fiducia in Grudinin. A quanto pare, la carriera politica del proprietario di un'azienda agricola volge al termine dopo solo un mese e mezzo dal suo inizio.




mercoledì 14 febbraio 2018

Zakharova sulla questione ENI SAIPEM a Cipro


Risposta del Rappresentante ufficiale di Ministero degli esteri della Russia 🇷🇺 Mv #Zakharova sulla questione italiana 🇮🇹 all'Agenzia di stampa #AGI relativamente all'azione della #Turchia nella zona economica esclusiva della Repubblica di #Cipro




Domanda: Come commentate l'evolversi della situazione nella zona economica esclusiva della Repubblica di Cipro?

Risposta: Con preoccupazione seguiamo lo sviluppo della situazione nella zona economica esclusiva della Repubblica di Cipro.

Crediamo che le parti interessate debbano astenersi da passi che possano portare ad un ulteriore aumento della tensione nel Mediterraneo Orientale, complicando senza fine le contraddizioni esistenti nella regione. Speriamo che gli Stati interessati agiranno in conformità con le norme del diritto internazionale. Invitiamo i Paesi coinvolti a cercare esclusivamente mezzi pacifici di risoluzione delle loro contraddizioni.

Incidenti simili dimostrano ancora una volta la necessità di una rapida individuazione di uscite volte a risolvere il problema di Cipro sulla base di famosi parametri ONU. La nostra posizione rimane la stessa: noi sosteniamo il raggiungimento di un equa e completa regolarizzazione valida sull’isola a beneficio di tutti i suoi abitanti. Sosterremo ogni decisione che sarà individuata dagli stessi ciprioti.