giovedì 27 aprile 2017

Aiutateci ad aiutare i bambini del #Donbass #5xMille



www.aasib.org 

 

Aiutateci ad aiutare i bambini del #Donbass 

 

#5xMille 94025210223



В Европе идёт война, где убивают детей
Итальянская ассоциация "Помогите Спасти Детей"
дарит бесплатную медицинскую помощь раненым
и искалеченным бомбами детям и помогает тем,
кто потерял всё



RESE NOTE LE CAUSE DELLA CADUTA DEL TU-154 A SOCI


RESE NOTE LE CAUSE DELLA CADUTA DEL TU-154 A SOCI

Gli esperti coinvolti nelle indagini del disastro dell’aereo militare Tu-154 in volo verso la Siria il 25 dicembre 2016, sono giunti alla conclusione che l'aereo era sovraccarico: il peso standard di 98 tonnellate al decollo il velivolo ne pesava oltre 110. L’equipaggio dell’aeromobile non ne era a conoscenza ed è decollato in base ai normali parametri di peso al decollo.

Come appreso da "Gazeta.ru", speciali tecniche sono state utilizzate per calcolare la massa del velivolo schiantatosi, anche con l'uso di registratore di dati parametrici, recuperato dal fondo del Mar Nero.

Per questo si è compreso che il 24 dicembre, durante il decollo dal campo d'aviazione vicino a Mosca Chkalovskij, da cui il Tu-1542B-2 aveva iniziato il suo volo, il peso al decollo del velivolo, insieme alle 24 tonnellate di combustibile era pari a 99,6 tonnellate. Questo peso che superava gli standard di 1,6 tonnellate non era significativo. Con questo peso si può decollare normalmente e senza problemi.

All’aeroporto di Adler - Sochi dal Tu-154B-2 nessuno è sceso ad eccezione del comandante e del copilota. Qui l'aereo è stato nuovamente rifornito di carburante al massimo. I suoi serbatoi sono stati caricati con 35,6 tonnellate di carburante

Si stima che il peso al decollo del liner al posto delle 98 tonnellate, il peso complessivo del velivolo era di circa 110 tonnellate.

All’alba del 25 dicembre il Tu-154B-2 ha decollava sulla pista più grande (ad Adler ci sono due piste). Al decollo l'aereo ha dovuto effettuare una manovra prima a destra, poi a sinistra per prendere la via di Latakia, la base aerea di Hmeymim. Tuttavia i problemi sono iniziati subito, durante la prima fase della risalita.

Il distacco del velivolo dalla pista di Adler avvenne solo dopo 37 secondi dall'inizio del rullaggio ad una velocità di 320 km / h e l'angolo di inclinazione variava da 4 a 6 gradi. Tutti questi parametri indicano che l'aereo a malapena riuscì a decollare. La salita fu a 10 m / secondo invece del normale tempo di 12-15 m / al secondo.

Dopo 2 secondi il comandante dell’equipaggio portò verso di sé la cloche alzando il muso del velivolo in modo che raggiungesse i 10-12 gradi. Per controllare l'aereo sovraccarico le azioni sono state molto razionali. La chiusura del flap sono iniziati ad un'altitudine di 150 metri e ad una velocità di 345 chilometri all'ora. Data il grande eccesso di peso regolamentare al decollo del Tu-154, queste manovre avrebbero dovuto essere fatte ad una velocità superiore

La velocità del velivolo lo mise in stallo (volo a bassa velocità, quando l'angolo di incidenza raggiunge il livello critico e diventa ingestibile l’aeromobile) aumentando con la massa e dipendendo dalla posizione delle alette.

Il registratore della voce ha registrato la voce del copilota che chiese al comandante di permettere la chiusura delle alette, ma quest'ultimo non diede risposta. Il co-pilota, ha a quel punto considerato il silenzio come consenso. La forza di sollevamento dall'inizio della chiusura delle alette inizia a ridursi drasticamente.

L'aereo riuscì a raggiungere un'altezza di 200 m, quando il comandante impose nuovamente una manovra improvvisa tirando verso di sé la cloche, perdendo nella manovra quota, già bassa.

Tutta la manovra doveva essere fatta al contrario. L'aereo è caduto con un’inclinazione di 30 gradi

quel momento l'allarme di bordo inizia a suonare, ma nessuno presta attenzione. "Stiamo cadendo!" - grida il secondo pilota.

Il comandante fa un movimento della cloche e con i pedali nella direzione opposta. A questo punto l'angolo di incidenza è di 10 gradi. Il velivolo ha continuato ad accelerare a 500 km / h. La velocità aumentata faceva aumentare l’inclinazione e il velivolo è caduto. Nessun margine di altezza era ormai disponibile per il Tu-154.

Pochi secondi dopo, con una inclinazione già a 50 gradi e ad una velocità di 540 chilometri all'ora, l'ala sinistra del velivolo toccava l'acqua. In tali circostanze, una collisione con la superficie dell'acqua è equivalente ad una contro la roccia. L'aereo si è disintegrato ed i suoi frammenti sparsi su una vasta area

Complessivamente l'ultimo volo del Tu-154 è durato solo 74 secondi.

Fino al momento dell'impatto con l'acqua, l'aereo era in perfetta condizione. Le condizioni meteo all'aeroporto di Adler erano favorevoli: temperatura dell'aria - 5 gradi sopra lo zero, umidità - 76%, pressione - 763 mmHg. Venti trasversali - 5 m / s. Non erano presenti fenomeni meteorologici critici.

È inoltre stato anche reso noto che l'equipaggio deceduto, insieme al comandante esperto Roman Volkov aveva decollato con l’aeromobile caduta dalla stessa pista di Adler appena due mesi prima della tragedia, il 1 ottobre, 2016.

Allora la manovra del decollo era stata effettuata ad una velocità di 310 km / h. Con una salita pari a 12-15 m / s. Ad un'altitudine di 450 metri era stata effettuata la rotazione completa a destra di 20 gradi, e successivamente una successiva rotazione completa del piano verso sinistra e, solo allora, ad un'altezza di 450 metri le alette erano state chiuse per 13-14 secondi con posizione di 28 gradi.

La azioni dell’equipaggio di assoluta vasta esperienza di condurre il velivolo durante il decollo da Adler possono essere spiegate solo dal fatto che il comandante del Tu-154 non era a conoscenza né della natura né del peso esatto del carico a bordo e quindi del sovraccarico del suo aereo. Per questo probabilmente non avrebbe riempito i serbatoi se avesse saputo il peso esatto dell’aereo all’aeroporto di Chkalovskij.

Forse nell’aereo è stato caricato qualcosa di dimensioni relativamente piccole ma grande nel suo peso specifico.

Se il comandante dell'equipaggio ne fosse stato a conoscenza sul peso non regolamentare al decollo di oltre 10 tonnellate o si sarebbe rifiutato di decollare o avrebbe tenuto conto del sovrappeso.

Le ultime decisioni dell'equipaggio possono essere spiegate con il fatto che i piloti avevano intravisto che sull’aereo c’era qualcosa di sbagliato e hanno cercato di ritornare all'aeroporto di partenza per atterrare sulla seconda pista, più piccola, di Adler. Tuttavia non è stata sufficiente l’altezza.

Il buio probabilmente ha svolto un ruolo: le condizioni di visibilità non hanno permesso all'equipaggio di vedere in tempo la superficie dell'acqua.

Nel Tu-154, che si è schiantato all’alba del 25 dicembre, volavano gli artisti dell’Ensemble di canto e danza Aleksandrovskij che doveva dare il concerto di capodanno nella base russa in Siria Hmeymim. Erano accompagnati dalle troupe televisive del Primo canale russo, NTV e "Zvezda".

Sono morte nella tragedia 92 persone - 84 passeggeri e 8 membri dell'equipaggio.



mercoledì 26 aprile 2017

E’ scomparsa la solista più anziana del gruppo “Le Babushke di Buranovo”




E’ scomparsa la solista più anziana del gruppo “Le Babushke di Buranovo”

Le «Buranovskie babushki» soffrono la perdita  - se n’è andata a 86 anni Elisaveta Zabratova che le altre componenti del coro e i giornalisti con amore chiamavano donna Lisa.

E’ scomparsa il 13 gennaio scorso, ma la triste notizia non è stata pubblicizzata e solo ora l’hanno confermata i rappresentanti del coro. Elisaveta Zabratova è stata una delle più creative partecipanti dell’ensemble, ha scritto numerose canzoni tra cui «Puchoko» con cui le «Babushke di Buranovo» hanno partecipato alla selezione «Eurovision song contest» nel 2012.

Grazie a questa composizione l’ensemble udmurta aveva deciso di partecipare al concorso come rappresentante della Russia, classificandosi al secondo posto. Dopo questa le «Babushke» hanno proseguito l’attività e di recente hanno registrato un paio di canzoni: «Olpiade» e «la Brezza» e Sochi For Everybody. Elisaveta Zabratova, a causa dell'età, a malapena si era esibita recentemente con il suo gruppo.







SI CHIEDERANNO I DANNI ALLA GERMANIA PER LA PERDITA DELL’INFANZIA




MIRONOV HA INVITATO I BAMBINI DELLA GUERRA A PRETENDERE I DANNI ALLA GERMANIA PER LA PERDITA DELL’INFANZIA

Ha detto che i deputati di "Spravedlivaja Rossija" stanno preparando un disegno di legge per garantire ai cittadini il patrocinio gratuito nella preparazione dei ricorsi

MOSCA, 25 aprile/TASS/. Il leader del Partito "Russia Giusta", Sergej Mironov ritiene che i bambini della guerra in Russia abbiano il diritto di esigere un indennizzo dalla Germania per la loro infanzia distrutta. Egli ha espresso questo parere in un’intervista al canale televisivo "Russia 24".

"Abbiamo circa 12 milioni di bambini della guerra. Per colpa di chi hanno perso la loro infanzia? La responsabilità è della Germania fascista. Non deve quindi la Germania risarcire i nostri cittadini per la loro infanzia perduta?" ha detto Mironov

Egli ritiene che questo sarebbe in linea con la prassi internazionale. "I prigionieri dei campi di concentramento hanno ricevuto un risarcimento, i figli della guerra in Israele hanno ottenuto esattamente questo dalla Germania" ha ricordato Mironov. 

Ci sono dei precedenti internazionali, oggi andremo su questa strada. Se il nostro governo dice che non ci sono soldi, chiediamoli a chi ha le colpe della perdita dell’infanzia dei nostri concittadini"

A tale proposito, ha detto che i membri di "Russia Giusta" hanno preparato un nuovo disegno di legge che garantisca ai cittadini l'assistenza legale gratuita per l’avvio dei ricorsi. "Prepareremo un disegno di legge che offrirà ai nostri figli della guerra la gratuità nello citare in giudizio (i responsabili) per ottenere i risarcimenti. Per questo il disegno di legge è stato correttamente elaborato, vogliamo che la legge obblighi tutti gli studi legali, tutti gli avvocati di Russia aiutino gratuitamente i bambini della guerra a citare in giudizio la Germania” ha spiegato Mironov.

I deputati di "Russia Giusta" hanno più volte presentato alla Duma progetti di legge sulle compensazioni, a carico del Bilancio federale in favore dei figli della guerra. Tuttavia non hanno sinora trovato l'appoggio del corpo parlamentare.




Подробнее на ТАСС: http://tass.ru/politika/4210567





martedì 25 aprile 2017

Arrivati in Donbass istruttori militari americani




Nella DNR hanno denunciato l’arrivo nel Donbass di istruttori militari americani

DONEZK 25 aprile RIA Novosti. Il Ministero della Difesa dell’auto-proclamata Repubblica Popolare di Donezk ha denunciato l'arrivo nella zona del conflitto in Donbass di istruttori militari americani.

"Secondo le nostre fonti, è stato osservato l’arrivo nella zona della cosiddetto ATO, di istruttori militari degli Stati Uniti" - ha detto ai giornalisti il vice comandante del comando operativo della DNR Eduard Basurin.

Egli ha sottolineato come uno degli obiettivi dell'arrivo degli istruttori degli Stati Uniti è quello di verificare la preparazione dell’esercito ucraino per i combattimenti.

Washington ha fornito aiuti militari a Kiev, ma ufficialmente ancora solo in forma di attrezzature e apparecchiature non di "armi letali". Inoltre sono stati forniti istruttori americani per la formazione dei soldati ucraini.

Nel marzo scorso, durante la visita negli Stati Uniti, il ministro degli esteri ucraino Pavlo Klimkin aveva parlato di alta efficienza delle forze preparate dalle esperti degli Stati Uniti e aveva chiesto al Senato (americano ndt) di continuare tale sostegno in futuro.

Successivamente il comandante delle forze americane in Europa, il generale Curtis Scaparrotti aveva dichiarato che gli Stati Uniti dovrebbero rafforzare l'esercito dell'Ucraina per affrontare i miliziani del Donbass.





Quasi il 40% dei russi accusano lo Stato di inadempimento nelle responsabilità nei confronti del popolo



Quasi il 40% dei russi accusano lo Stato di inadempimento nelle responsabilità nei confronti del popolo

MOSCA, 25 aprile - INTERFAX.RU - Il 37% dei russi ritiene che lo Stato, per la gran parte o completamente, non adempia ai suoi doveri verso il popolo, il 22% della popolazione è del parere opposto, mentre il 36% ritiene che il rapporto sia uguale, ha riferito ad "Interfax" il "Levada-center".

In questa indagine il 53% dei russi crede che i cittadini della Federazione Russa, per la maggior parte o addirittura completamente rispettino pienamente le proprie responsabilità di fronte allo Stato, mentre è di opposto parere un settimo della popolazione (12%).

Meno di un terzo (29%) degli intervistati ritiene che "i cittadini rispettino e non rispettino i loro obblighi verso lo Stato (rispetto delle leggi, pagamento delle tasse, ecc.)"

Dell’opinione, che non si debba pagare completamente le tasse allo Stato, se c'è possibilità di evaderle si dice d’accordo un quarto (26%) degli intervistati. Due terzi (65%) non sono d’accordo con questo punto di vista. E difficile rispondere per il 10% dei partecipanti al sondaggio, condotto dal 31 marzo al 3 aprile tra un campione di 1.600 persone in 137 centri abitati della Federazione Russa